MeetupChieti
Sulla prima pagina del Corriere della Sera di oggi lo scandalo del potabilizzatore di Chieti

Oggi il Corriere della Sera rilancia in prima pagina lo scandalo del potabilizzatore di Chieti, costato decine di milioni di euro e mai entrato in funzione a causa dell'inquinamento del fiume Pescara accertato solo dopo l'avvenuta costruzione dell'opera..
Dichiara Dante Caserta, presidente regionale del WWF “Una regione ricchissima di acqua si pone all'attenzione dei media nazionali non per la corretta gestione di questa risorsa strategica ma per il disastro in cui versa il servizio idrico integrato. Uso di acqua contaminata, sperpero enorme di risorse pubbliche, perdite incontrollate nelle reti che costituiscono oltre il 50% dell'acqua captata, il 25% dei controlli sui depuratori irregolari: il sistema è ormai fallito. Purtroppo solo l'azione meritoria della Magistratura e della Forestale sta scoperchiando questa situazione in cui a rimetterci sono i cittadini che pagano per un servizio a volte inesistente e l'ambiente che viene inquinato oppure sfruttato senza ragione. Dobbiamo stigmatizzare l'assenza di una reazione di amministratori e politici, forse perché questi problemi sono stati creati da loro. Evidentemente nella classe dirigente non esistono gli anticorpi per reagire con la dovuta fermezza per isolare e fermare chi ha dimostrato di non sapere gestire la cosa pubblica. Devo constatare che non è cambiato nulla nei sistemi di controllo e prevenzione nonostante la mia associazione abbia presentato una serie di proposte concrete, con tanto di articolato, per rendere democratico, efficiente, sostenibile e trasparente il Servizio Idrico Integrato. Non abbiamo avuto nessuna risposta.”
Share/Save/Bookmark
Etichette: , , | edit post
Reazioni: 
1 Response
  1. vitt84 Says:

    ...e nessuna risposta mai arriverà in merito...


Questo blog non è una testata giornalistica in quanto aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi quindi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune foto, prese dal Web, sono ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarcelo.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.