Ma®aM
ORDINANZA N. 610
IL SINDACO
Considerato:
- che le scosse di terremoto che stanno interessando la zona de L’Aquila continuano ad essere avvertite anche nella città di Chieti con particolare veemenza;
- che diversi edifici pubblici e privati presentano, ad un primo controllo, lesioni di diverso tipo;

Tenuto conto delle precedenti Ordinanze Sindacali n. 604 del 06/04/2009 – con la quale si è disposta la sospensione delle lezioni e delle attività didattiche per la sola data del 06/04/2009 – e n. 607 del 06/07/2009 – con la quale si è disposta la chiusura di tutte le scuole per i giorni 06, 07 e 08 aprile 2009;
Considerato che è necessario verificare lo stato degli edifici pubblici, in particolare delle scuole, – al fine di garantire la pubblica incolumità – e che tale operazione richiede tempi ulteriori;
Visto l’art. 54 del T.U.E.L. 267/2000;
Visti il DPCM del 06 aprile 2009 e l’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 06 aprile 2009;
O R D I N A
in considerazione di tutte le motivazioni suesposte, che si intendono qui integralmente richiamate,
1) la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido e le scuole di formazione professionale a carattere pubblico, nei giorni dal 09 al 15 aprile 2009;
2) che le scuole garantiscano, comunque, l’accessibilità delle strutture a tecnici, comunali e non, per le necessarie verifiche, comunicando via fax – ai nn. 0871/341284 e 0871/341669 – un eventuale recapito del personale preposto a tale compito, qualora non fosse già stato fatto.
D I S P O N E
che la Segreteria Generale dell’Ente trasmetta integralmente la presente Ordinanza:
• al Signor Prefetto di Chieti;
• All’Amministrazione Provinciale di Chieti;
• al Comando della Polizia Municipale di Chieti;
• all’Ufficio Scolastico Provinciale di Chieti;
• al II Settore – Pubblica Istruzione del Comune di Chieti;
• al V Settore – Lavori Pubblici e Protezione Civile del Comune di Chieti.

IL SINDACO
(Dott. Francesco Ricci)
Share/Save/Bookmark
Etichette: , | edit post
Reazioni: 
2 Responses
  1. @enio Says:

    ma le scuole di Chieti rispettano tutte le norme antisismiche? Se non è così cosa si aspetta a stabilizzarle che facciano la fine fatta delle scuola nel Molise? L'ammistrazione dovrebbe attivarsi a prevenire e non a "curare" dopo con una semplice circolare!


  2. Blindsight Says:

    se non sono antisismiche un motivo in più per chiuderle: in questo caso si combatte non si cura, è impossibile farlo, anche se sono d'accordo che prevenire è sempre meglio, soprattutto quando si sanno bene certe cose da secoli, tipo che siamo una nazione ad alto rischio sismico.
    una semplice circolare potrebbe salvare molte vite, o stiamo ormai nell'era che vale più una parola e non una vita umana? se gli italiani polemizzassero e parlassero di meno, farebbero tanti fatti in più, ad esempio esercitazioni e prove antisismiche, mai fatte momenti manco sotto il vesuvio, visto che la gente preferisce costruire orrende palazzine abusive con materiali di scarto anziché prepararsi in caso di calamità ed informarsi..
    la colpa di chi è? per me non è di tutti come dicono, ad esempio mia non è, tua enio non sarà, manco di mara ecc...


Questo blog non è una testata giornalistica in quanto aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi quindi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune foto, prese dal Web, sono ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarcelo.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.