MM
Le perdite d'acqua nelle strade di Chieti sono ormai all'ordine del giorno, come segnalato in tanti nostri articoli, come il recente: Continuiamo a fare acqua da tutte le parti.
In quel caso, in particolare, erano indicate ben tre perdite nella stessa strada, il tracciato dell'ex-ferrovia, in località Tricalle. Bene, quella più "evidente", lungo via dei Marsi, è stata "prontamente" riparata. L'altra, in Via d'Angelo, dopo due settimane, è ancora nelle condizioni in cui l'abbiamo trovata in quei giorni. L'acqua continua a sgorgare dall'asfalto, nei pressi di un tombino, e nulla è stato fatto.
Il problema delle reti idriche cittadine è ormai noto, ma ciò non vuol dire che non possa essere risolto. Andrebbe pensato un "rimedio" definitivo, che possa finalmente evitare queste "corse" alla riparazione momentanea, che non risolvono il problema ma lo tamponano solo temporaneamente.
In via dei Marsi, come in tante altre strade, purtroppo, il problema si ripresenta ciclicamente: la rottura viene riparata e poco dopo si ripresenta nuovamente poco più in là. In tanti anni che abito in zona non ricordo neanche più quante volte sono venuti a riparare quel tratto di strada. Il cartello "lavori in corso" è quasi perennemente nello stesso posto. Spontaneo quindi chiedersi: quanto spende il comune per queste riparazioni ripetute? Non sarebbe meglio studiare a tavolino una soluzione definitiva? E' sicuramente complicato "mettere le mani" su tutta la rete, ma più passa il tempo più la situazione peggiorerà, e dopo aver passato grandi crisi idriche negli anni passati certo non è una bella prospettiva. Andiamo incontro all'estate. Ormai sono due anni che la situazione è fortemente critica. Ci apprestiamo, di nuovo, a trascorrere un'estate "a secco", e a vedere tutta questa acqua sprecata?
Share/Save/Bookmark
2 Responses
  1. Tom P. Says:

    Complimenti per il nuovo blog. L'ho appena trovato tra i link di Ragazzi di Chieti, vedo invece che non è ancora segnalato dalla testata madre Chietiscalo.it (ancora in prova?).
    Questi blog sono molto pratici e invitano a lasciare qualche commento più di quanto non accada per un grosso contenitore, però credo che sia necessaria qualche soluzione per evitare dispersioni. Saluti
    Tommaso


  2. MM Says:

    Esatto, è una prova perchè volevo inserire il blog nel sito, per evitare dispersioni, come dici anche tu. Vediamo come va e poi decideremo.
    Ciao
    M


Questo blog non è una testata giornalistica in quanto aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi quindi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune foto, prese dal Web, sono ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarcelo.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.