MM
Chieti Scalo: in uno dei 5 campioni di terreno il WWF segnala all'ARTA una discrasia nel referto.

Il WWF ha letto con attenzione i referti appena pubblicati sul sito del Comune di Chieti relativi a n.5 campioni di suolo raccolti a seguito dell'incendio della SEAB a Chieti scalo.

Nel referto del campione n.2432 pubblicato sul sito del Comune di Chieti, come chiunque può leggere, si evidenzia il superamento del limite di legge per le aree residenziali (colonna A del Dlgs 152/2006) per il parametro Idrocarburi Pesanti (54 mg/kg contro il limite di 50). Nel giudizio sintetico relativo al referto, invece, si legge che il campione è conforme ai limiti anche per le aree residenziali. Da notare come in un altro campione, il n.2433, qui allegato, il superamento per questo stesso parametro viene sfiorato con 49 mg/kg contro il limite di 50. Questo indurrebbe ad escludere un errore materiale nel primo referto.

Comunque sia, il WWF registra prese di posizione tranquillizzanti che sulla base di questi referti non hanno, per ora, ragione di essere. Al contrario converrebbe che tutti in questa vicenda seguissero i fatti con maggiore cura, visto che si parla di salute dei cittadini e di potenziale inquinamento ambientale. Infatti facciamo notare che se il valore segnato nel referto si rivelerà giusto, quel sito diventerà ufficialmente contaminato e dovrà essere sottoposto a bonifica, qualora utilizzato per fini residenziali.

Il WWF, come avrebbero dovuto fare tutti gli enti pubblici, ha immediatamente contattato l'ARTA per segnalare questa discrasia e per chiedere verifiche attente sui referti. Inoltre ha chiesto di aumentare il numero di campioni affinchè siano rappresentativi della realtà territoriale interessata dalle ricadute dell'incendio. Si ricorda che l'ARPA Veneto, in occasione di un incendio simile, ha provveduto ad esaminare n.50 campioni di terreno.

INFO: 3683188739
Share/Save/Bookmark
Etichette: , | edit post
Reazioni: 
Questo blog non è una testata giornalistica in quanto aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi quindi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune foto, prese dal Web, sono ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarcelo.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.