MM
Scritto da Roberto Di Monte, 23-02-2010
Il secondo incontro del direttivo di Chietiscalo.it con i candidati a Sindaco della città di Chieti si svolge nella sala della Pasticceria Veronese a Chieti Scalo. Questa volta è il turno dell’avv.Umberto Di Primio, candidato del Centro Destra e si parla naturalmente del documento “le nove richieste di chietiscalo.it ai candidati a Sindaco di Chieti” ma anche di altro. Si vede che ha studiato bene la sua parte è preparato, parla con grande serietà ma non disdegna qualche battuta simpatica che lascia trasparire un aspetto più umano dietro la scorza di uomo tutto d’un pezzo.
Umberto Di Primio parla a ruota libera per oltre 90 minuti di ciò che è oggi Chieti ma anche di tutto ciò che vorrebbe per Chieti una volta eletto Sindaco. Porta con se una copia del suo programma che verrà presentato ufficialmente sabato prossimo e discute dei nove punti proposti da chietiscalo.it trovandone alcuni simili a quelli presenti nel suo programma. Sembrerebbe una specie di clonazione, dice col sorriso sulle labbra (sarebbe solo da capire chi ha clonato, visto che il suo programma non è stato ancora presentato mentre il nostro “Papello” sì) se non fosse che i punti pensati da chietiscalo.it non sono riferibili ad alcuna parte politica, essendo stati elaborati dai suggerimenti di tanti lettori del network. Per questo sembra quasi che anche il programma del Centro Destra, ronde a parte, sia ideologicamente trasversale. Il programma che intende presentare alla città è composto di 11 punti, di cui 10 già scritti ed uno a disposizione dei cittadini che potranno dare il loro contributo con le loro idee. La parte di programma già scritta è stata elaborata con il contributo di tutte le forze del Centro Destra che sostengono Di Primio e sottolinea con forza che “il programma non va imposto ma condiviso”.
Come vorrà impostare la propria campagna elettorale? 

Share/Save/Bookmark
Etichette: | edit post
Reazioni: 
Questo blog non è una testata giornalistica in quanto aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi quindi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune foto, prese dal Web, sono ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarcelo.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.