MM
L'art. 3 comma 4 della 2000/76/CE (direttiva sull'incenerimento) stabilisce che anche la pirolisi e la dissociazione sono forme di incenerimento dei rifiuti.

- 4) «impianto di incenerimento»: qualsiasi unità e attrezzatura tecnica fissa o mobile destinata al trattamento termico dei rifiuti con o senza recupero del calore prodotto dalla combustione. In questa definizione sono inclusi l'incenerimento mediante ossidazione dei rifiuti nonché altri procedimenti di trattamento termico, quali ad esempio i procedimenti del plasma, sempreché le sostanze risultanti dal trattamento siano successivamente incenerite.
La definizione include il sito e l'insieme dell'impianto di incenerimento, comprese le linee di incenerimento, i luoghi di ricezione e di stoccaggio, le installazioni di pretrattamento in loco, i sistemi di alimentazione in rifiuti, in combustibile e in aria, la caldaia, le installazioni di trattamento dei gas di scarico, le installazioni di trattamento o stoccaggio in loco dei residui e delle acque reflue, il camino, i dispositivi e i sistemi di controllo delle operazioni di incenerimento, di registrazione e di sorveglianza delle condizioni di incenerimento; -

Nell'area della Ex-Burgo l'ipotesi di un impianto di pirolisi o di biomasse (che di bio non hanno proprio niente!) ogni tanto torna alla ribalta. Il progettista e l'Assessore De Cesare ribadiscono che questi impianti sono stati esclusi dal nuovo Accordo di Programma, ma comunque se ne continua a parlare. Giorni fa, su un articolo sul Parco Scientifico Tecnologico, si parlava di un fantomatico impianto nel quale i fanghi di depurazione dovrebbero essere "cotti" a microonde, senza, a dir loro, emissioni di alcun genere. Che l'asino vola lo sanno tutti, no?
Tutto quello che brucia inquina. Emissioni di particelle che inquinano aria, terra e soprattutto noi esseri umani, direttamente o indirettamente. Aumento di tumori, di allergie, e di tantissime altre patologie.
Chieti Scalo anche oggi è alla ribalta per la scoperta dell'ennesima discarica abusiva. Tantissimi impianti di "recupero" rifiuti si trovano qui. La situazione non è forse già abbastanza critica per proporre nuovi impianti a rischio???


Share/Save/Bookmark
Etichette: , , | edit post
Reazioni: 
1 Response
  1. bernardo Says:

    dovresti informarti meglio perchè la pirolisi brucia in assenza di ossigeno, dopo la fase iniziale di combustione,
    e se bruci sili i rifiuti umidi (non ha senso briciare quello che si puo recuperare (plastica, carta, metalli)
    guarda questi video:
    http://www.youtube.com/watch?v=7hubmJzHh6Q&list=PLB09D786019B41A3B&index=7&playnext=6


Questo blog non è una testata giornalistica in quanto aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi quindi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune foto, prese dal Web, sono ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarcelo.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.