MeetupChieti
Si dice che l'inquinamento elettromagnetico faccia male.
Si dice che le radiazioni provochino malattie e disturbi, specialmente in chi è particolarmente sensibile o nei bambini.
La tecnologia è sicuramente importante, lo sviluppo anche, ma non a scapito della salute.
Nel dubbio.... meglio tutelarsi, no?
Allora perchè le antenne spuntano come funghi?
Perchè ce ne sono tante in brevi spazi?
Non sarebbe meglio, almeno, regolare la loro installazione, se proprio sono così indispensabili?
E soprattutto... effettuare i controlli!
Se compro casa e dopo poco mi installano una antenna nel palazzo affianco, come posso protestare? La mia casa, se volessi venderla, quanto si svaluterebbe? E chi se la comprerebbe con una antenna così vicina?
Domande, domande, sempre domande... ma mai risposte....
Chi può rispondere lo faccia, con una mano sulla propria coscienza.


Share/Save/Bookmark
Etichette: , , | edit post
Reazioni: 
2 Responses
  1. @enio Says:

    Le antenne solitamente venono messe con la complicità dei curati, degli inquilini e degli amministratori che si vedono pagate così una grossa fetta delle spese condominiali. Se ne fregano se poi queste fanno male o se sono messe a norma ( distanza consentita dalla legge )in modo da non nuocere. Mi ricordo in una trasmissione di Grillo qualche anno fà, che per dimostrare la nocività di queste radiazioni, riusciva avvicinandolo a un traliccio ad accendere un neon.


  2. Ma®aM Says:

    Io ho visto di peggio. Un orticello con verdure alterate da radiazioni elettromagnetiche, scuole sotto i tralicci o vicinissime alle antenne, e per ultima la puntata di report dell'anno scorso, sul wi-fi. E' veramente impressionante. Non si vede, quindi non c'è: è questa la politica degli inquinatori selvaggi... E i soldi comandano sempre tutto... E' uno schifo...


Questo blog non è una testata giornalistica in quanto aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi quindi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune foto, prese dal Web, sono ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarcelo.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.