Ma®aM
Cosa possiamo fare?

Cosa possiamo fare noi, semplici cittadini, per migliorare la vivibilità della città nella quale viviamo?
Come possiamo contribuire a far sì che le persone imparino a rispettare il prossimo e la natura per vivere meglio insieme?
Il WWF è presente anche a Chieti, e la nostra città ne aveva davvero bisogno.
Venerdì scorso c'è stata la prima riunione organizzativa, dalla quale partiranno le idee e il coordinamento dei partecipanti.
Chieti ha bisogno di persone che facciano pressione sulle autorità perchè ci sia una maggiore attenzione ai temi ambientali e una maggiore tutela della salute dei cittadini.
Purtroppo ci siamo “abituati” al degrado e all'indifferenza ma ciò non toglie che qualcosa si possa ancora fare. La sede di Chieti si prefigge di segnalare le “emergenze” del nostro territorio e di controllare che gli organi preposti facciano il loro dovere.
Tutti i cittadini dovrebbero avere coscienza che senza partecipazione le polemiche e le critiche diventano inutili. Ognuno di noi dovrebbe mettersi una mano sulla coscienza e cercare di contribuire, nel proprio piccolo, al benessere comune.
La città ha bisogno di “risvegliarsi” e prendere coscienza di se stessa.
I cittadini di Chieti sono invitati a farsi avanti e collaborare.

In questa prima assemblea si sono affrontati già i primi temi “scottanti”, come l'acqua, l'inquinamento dell'aria e i rifiuti. Si sono già prefissati i primi obiettivi, ed un partecipante ha detto una frase che mi ha molto colpita: “Solo rifiuti, mai rimorsi”, spiegando la situazione di degrado da lui riscontrata durante una passeggiata in bicicletta sulla fondovalle.
Le persone presenti erano ben motivate e spinte dalla speranza che anche in una città come la nostra si possa fare qualcosa, e che essere presenti e vigili è fondamentale.
Informarsi ed informare è importante per diffondere una coscienza civile nei cittadini ed ognuno dei presenti si è prefisso l'obiettivo di divulgare la presenza del WWF tra vicini e parenti, per allargare la conoscenza di questa “speranza” per Chieti.
Le difficoltà ci sono, non c'è ancora una sede, si sta ancora formando il comitato direttivo, ma i presupposti sono ottimi.
Chieti ora deve stare più attenta. Ora c'è il WWF.
Share/Save/Bookmark
Etichette: , , | edit post
Reazioni: 
Questo blog non è una testata giornalistica in quanto aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi quindi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune foto, prese dal Web, sono ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarcelo.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.