MM
Scritto da: Vittorio Ramundi
Perché i ragazzi, le nuove generazioni sono tagliate fuori da tutto?

A questa domanda non può rispondere nessuno. Perché? Noi siamo i primi a dover rispondere. È colpa nostra.

Si è colpa nostra.

Vediamo cose che non vanno bene sia nelle piccole realtà sia al livello nazionale e non facciamo niente, lasciamo passare tutto.

La risposta più brutta che ho sentito è “A me cosa importa?”. Questa è la nostra generazione.

La generazione dei disinteressati volontari.

Sicuramente è colpa nostra che non ci interessiamo, sicuramente è colpa nostra che permettiamo tutto a tutti.

Però non tutto è da imputare sulle nostre spalle. La classe dirigente che abbiamo e che abbiamo avuto in passato non si è mai dimostrata disposta ad allargare gli orizzonti a quelli che poi avrebbero dovuto guidare il Paese, non hanno voluto dare spazio a chi era capace.

Oggi ne stiamo pagando ancora di più le conseguenze.

Purtroppo più si va avanti e più i giovani vengono messi in disparte oppure vengono messi in una condizione per la quale si vedono costretti ad emigrare per poter sfruttare al meglio le proprie risorse e facoltà.

Nel ’68 ci fu la rivolta degli studenti e fu veramente una rivoluzione culturale e sociale. Oggi? Avremo mai le capacità e soprattutto la voglia di farne un’altra?

Io penso proprio di no!

C’è troppo permissivismo, c’è troppo benessere, siamo stati trattati sempre come dei “figli di papà” e così abbiamo perso la lucidità, quella consapevolezza per la quale un tempo ci fu una rivoluzione giovanile!

Allora si, è colpa nostra perché questa è una condizione che accettiamo anche noi, ce lo stiamo cercando l’isolamento culturale e sociale.

Sicuramente non verrà un aiuto dall’alto. Se iniziamo ad aprire gli occhi ed iniziamo a renderci conto che ci stanno imbottigliando forse potremmo avere una possibilità, altrimenti cresceremo e vivremo così come siamo nati: culturalmente e socialmente precari.
Share/Save/Bookmark
Etichette: , , , | edit post
Reazioni: 
Questo blog non è una testata giornalistica in quanto aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi quindi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune foto, prese dal Web, sono ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarcelo.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.