MM
Chieti , 24 luglio 2009

C O M U N I C A T O S T A M P A

Il Sindaco del Comune di Chieti, Francesco Ricci,

I N F O R M A

che in data di oggi ( 24 luglio 2009 ), i dati pervenuti dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e Molise , provenienti dai campioni vegetali destinati all’alimentazione umana e degli animali prelevati, nelle aree coinvolte dall’incendio allo stabilimento SEAB di Chieti, nella notte tra il 18 e il 19 luglio scorsi , non hanno riscontrato livelli di contaminazione da diossina o PCB diossina-simili superiori alla normale presenza dovuta alle attività antropiche.

E’ questo l’importante dato che emerge dalle analisi compiute sui predetti campioni dagli esperti dell’Istituto “G. Caporale” di Teramo, Laboratorio Nazionale di Riferimento per Diossine e PCB .

Le ricerche già completate, relative alla determinazione di diossine o simili sui campioni prelevati dal Servizio di Prevenzione e dal Servizio Veterinario della Asl di Chieti il 21 luglio, hanno evidenziato la presenza di contaminanti nella misura normalmente riconducibile alle attività di coltivazione e che quindi non costituiscono alcun pericolo per la salute pubblica.

I risultati sulle ulteriori ricerche analitiche atte a determinare la presenza di metalli pesanti e idrocarburi policiclici aromatici saranno comunicati entro la giornata di domani.

Pertanto , il Sindaco di Chieti , Franceso Ricci , alla luce dei dati diffusi dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e Molise “G. Caporale” di Teramo , ha emesso un’apposita Ordinanza per revocare la precedente Ordinanza nº 686 del 22 luglio 2009 , prot. 47413.


Leggi tutto...

Share/Save/Bookmark
Questo blog non è una testata giornalistica in quanto aggiornato senza periodicità. Non può considerarsi quindi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Alcune foto, prese dal Web, sono ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione sono pregati di segnalarcelo.

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.